La poesia, corredata di un video e una colonna sonora, è stata selezionata in un contest nazionale indetto dalla Casa della Poesia di Monza

È quanno cala notte ca me piace lu paese mio.
Ra fore a lu balcone guardo l’ombre ca la luna
allonga e accorcia ‘ngopp a ‘sti ‘ntagli viecchi
pe’ la sagliuta ca ra reto casa porta a le teglie
ca stanne erte ‘nnanz a lu castiello re lu principe
Se movene chest’ombre e pare che passane
ra ‘na parta ‘a n’ata re li vichi uno appont’a l’ato
a seconda ca trovene nu purtone o nu lampione
o n’albero spennacchiato ra la voria
ca mmiezz’a la chiazza votta notte e juorno.
‘Na atta cammina e poco se ne fotte
sdrusciannese ‘mpanza a le prete de rimpetto
prima re se ‘nfilà rint’a nu pertuso stritto
re ‘nu muro sfravecato ropp’ lu terramoto
ca re vierno tanta gente se pigliaie.
Lu campanaro re la chiesa sta justo ‘nnanz’a me.
A la scuria ‘mpustato pare nu surdato
misso re guardia a lu suonno re chi rorme
re le criature ca nun sanne niente
o re li viecchi ca tutto s’arricordene.
Sant’Angelo se chiama ‘stu paese mio
e a li tiempi re vavone lu nome avette
ra chi s’appresentava cu la spada e cu na barba longa.
Rint’a li libri sta scritto e ‘ngopp a’ certe prete antiche
‘nzieme a tutti l’ati fatti re lu passato nuosto.
Lu guardo quann’è notte a stu paese mio
e me pare cchiù de l’ati bell’assai.
Nu munno piccelo ma puro aggraziato
ca cunsola a tutti e a tutti ‘nge prutegge
e a me me tene stritto stritto pe’ nun me ne fa ì

https://www.facebook.com/michele.vespasiano/posts/10222287426523431

A proposito dell'Autore

Michele Vespasiano

Lascia un commento

sette − sei =